Di borse dell’acqua calda, ombrelli, Scalfari e ciabatte pelose

Siamo capaci di apprendere. Questa è una verità rassicurante. Se siamo capaci di apprendere, siamo capaci di migliorare, di imparare dagli sbagli, di rubare le buone idee, di superare gli errori di ieri per costruire i successi di domani. Oggi. In ogni momento. Apprendiamo, incameriamo informazioni utili e quasi inconsapevolmente siamo in grado di utilizzarle al momento opportuno.

Oggi, ad esempio, ho imparato che le borse dell’acqua calda sono un presidio medico. E quindi sono scaricabili. Perché le pasticche per il colesterolo no e le borse dell’acqua calda sì? Ma soprattutto, considerato che le pasticche per il colesterolo costano 20 euro e durano 20 giorni e le borse dell’acqua calda costano 7 e 50 e durano una vita, perché non fare l’inverso? (Che poi, contrariamente alle donne di casa mia che la adorano io ho una sana repulsione per la borsa dell’acqua calda. Ma che beneficio può fare buttarsi addosso sta roba gommosa con 750 gradi fahrenhei??? Mah!).

Poi ho scoperto che si può anche venire in ufficio in ciabatte. Pelose. In pieno inverno. Senza calze. E nonostante ciò essere alla moda. Poi magari la sera hai bisogno della borsa dell’acqua calda. E vedi che tutto torna.

Perché non solo apprendiamo. Siamo anche capaci di insegnare, di diffondere cultura, nuove tecniche, che magari un giorno faranno tendenza, saranno copiate e diffuse in ogni luogo. Ad esempio noi, quando venimmo ad abitare in questo palazzo (che è una succursale di un reparto geriatrico) siamo stati i primi a lasciare gli ombrelli zuppi aperti davanti alla porta di casa (perché, voi invece siete di quelli che se li portano dentro e li fanno sgocciolare di qua e di là? Ma che male c’è a lasciarli di fuori? Posto che abbiate abbastanza fiducia nel genere umano e conoscenza dei vostri vicini, tale che siete sicuri che non se li freghino). Insomma, arrivati qui ci guardavano un po’ storti. Alzavano il sopracciglio. Sbuffavano. Ma noi imperterriti abbiamo perseverato. Ed ora quando piove, in ogni piano è un fiorire di ombrelli! Arrivo a dire che ci sono ombrelli aperti anche quando non piove!

Forse per questo ci spaventano le novità assolute, l’ignoto, ciò che sta fuori da tutte le nostre esperienze precedenti. Figuriamoci se uno ha 90 anni! Ce la possiamo prendere quindi con il povero Scalfari? Da una parte un puttaniere, ladro, corrotto e corruttore. D’altra il vuoto siderale, l’uomo senza qualità, dalla geografia fantasiosa e la cultura da perito industriale (con tutto il rispetto per i periti industriali). E gli hanno detto scegli. C’era poco da imparare. E poco da insegnare. Un po’ come se gli avessero chiesto, preferisci un cancro maligno o il nulla cosmico? Pover’uomo, che avrebbe dovuto dire?

Annunci

Di mamme, di figlie e di asteroidi

Posto che una pubblicità coglie nel segno quando se ne parla è indubbio che la recente pubblicità del Buondì Motta sia un vero caso di successo. Potremmo addirittura definirlo un crack, un boom, insomma ha colto il bersaglio. Anche troppo, a dire il vero.

Perché ovviamente si sono subito alzate le polemiche per il presunto cattivo gusto della situazione: moralisti, psicologi, associazioni familiari, è stata una vera e propria levata di scudi. Il profilo Facebook della Motta è stato subissato di critiche, anche molto violente, che chiedevano a gran voce di ritirare lo spot. Sono tornati fuori quegli argomenti sui limiti che dovrebbe avere una comunicazione televisiva, cosa è lecito e cosa no, censura e libertà di espressione. Temi già trattati, anche in questo minchionissimo blog, a proposito ad esempio della satira (Aridatece il Minculpop).

In questa situazione però io mi domando una cosa: è giusto far morire così una mamma davanti alla propria figlia che ti sta appena chiedendo “una merenda leggera, ma decisamente invitante, che possa coniugare la mia voglia di leggerezza e golosità“? E dai, su! Al limite allora, se proprio dovevate, io l’asteroide l’avrei fatta cadere sulla bambina scassaminchioni!

E’ il mercato bellezza! E tu non puoi farci niente…

E allora apparve il genio della lampada e gli disse:

“Ti do la possibilità di diventare ricco, sfacciatamente ricco, ma soprattutto ti do la possibilità di diventare l’uomo più famoso della storia. Con le ricchezze che avrai a disposizione avrai la possibilità di essere ricordato come il più grande benefattore dell’umanità. Potresti sconfiggere la fame nel mondo. Oppure potresti risanare le economie depresse dei Paesi africani cancellando il loro debito con i Paesi più ricchi. In alternativa potresti investire in tecnologie e strumenti tali da vincere la grande siccità, dando nuovo impulso alle imprese locali come mai prima nella storia. Infine, potresti debellare le malattie endemiche con una campagna di vaccinazione di massa (questo sempre ammesso che i 5 stelle ti diano il permesso, non lo so, sono solo un povero genio della lampada, mica il Padreterno!). Targhe con il tuo nome saranno affisse in ogni piazza, statue di qualsiasi grandezza verranno erette in ogni città. Ti verranno intitolate strade, ospedali, aeroporti, il tuo nome sarà ricordato nei libri e nei secoli dei secoli sarai sempre identificato colui che cambiò il corso della storia. Per fare questo avrai a disposizione questi duecentoventiduemilioni di euro. Che ne dici?”

“Guarda genio, ti ringrazio, effettivamente l’offerta è molto allettante. Però c’ho pensato su e ho deciso: mi ci compro Neymar.

 

Avere o essere?

Noi che contava più l’intelligenza della bellezza. Noi che non ci fermavamo alle apparenze, che andavamo sempre la sostanza delle cose. Noi che ci emozionavamo per una canzone degli Inti-illimani e ci innamoravamo delle poesie di Montale. Noi che avevamo letto Hermann Hesse e visto tutti i film di Pasolini. Noi che viaggiavamo con la fantasia e l’Interrail, senza google map o navigatori di sorta, orientandoci solo con la voglia di arrivare da qualche parte. Noi che ci arrabbiavamo per le ingiustizie del mondo il lunedì mattina, molto più di quelle della moviola la domenica sera. Noi che uno sport, una laurea, uno strumento. Noi che non avevamo paura di niente, a parte che il cielo ci cadesse in testa. Noi che eravamo pronti a combattere contro le diseguaglianze sociali, ma eravamo impreparati contro la caduta dei capelli. Noi che costruivamo castelli in aria con una paletta ed un secchiello. Noi che non avevamo fretta, perché eravamo certi che le cose belle non possono scappare. Noi con grinta e con sorriso. Noi abbeverati alla sapienza di Eric Fromm, convinti che contasse molto più essere che avere. Noi che ci siamo dovuti ricredere. Almeno qualche volta.

Ad esempio, meglio avere le palle che essere cojoni. E comunque, sempre per restare in tema, dopo la terza canzone gli Inti-Illimani, due palle così!

 

 

Piccoli gesti di inconsapevole ottimismo

E sarà che è venerdì sera, sarà che Lele ha fatto un goal da paura e ora siamo in finale (ma quanto sta diventando forte mio figlio? Ho qualche difficoltà ad ammetterlo, ma devo dire che a parità di età è nettamente più forte di me) ma la riflessione di stasera mi tocca personalmente. Siamo inguaribili ottimisti. E’ quello che ci frega, o forse che ci salva. Anche quelli che dicono “mai una gioia”, che si ritengono gli sfigati di turno, anche loro in fondo compiono atti di inconsapevole ottimismo. Anche quelli che non si aspettano più nulla dalla vita o dalle altre persone, anche loro però lavano la macchina ignorando le previsioni del tempo, incuranti dei tanti pennuti che svolazzano liberi nelle nostre città (altro che i passerotti di una volta, avete presente la quantità di cacca che è capace di fare un gabbiano? E scusate se ho detto quantità).

Anche loro comprano Gratta&Vinci e grattano, grattano, ma non vincono mai (se non quei premi minori che inducono la dipendenza, perché ti portano a prendere un altro tagliando a e continuare così). Che trovare un Gratta&Vinci milionario è come trovare un pagliaio dentro un cammello. No è come infilare un ago nella cruna di un cammello. No, neanche così, va be’ però avete capito. Ci vuole abilità, ma anche una bella botta di culo non guasterebbe.

Ma è proprio questa botta di culo la grande assente nelle nostre giornate. La grande assente, ma nello stesso tempo, la tanto auspicata. Come quelli che si ostinano a mettersi in macchina il sabato mattina per andare al mare (chissà partendo a quest’ora magari non c’è fila), oppure quelli che partecipano alle riunioni di condominio, nella recondita speranza che ci siano ancora un filo di ragionevolezza nei vicini. Che poi trovare ragionevolezza nei vicini è un po’ come andare a Notre Dame e sperare di incontrare il gobbo, oppure andare nella piazza di Velletri e pensare di incontrare Fracazzo.

Poi ci sono quelli che danno fiducia. In fondo sì, va be’, sembrerebbe un po’ stronzo, ha atteggiamenti da stronzo, dice cose da stronzo, si veste come uno stronzo, ha quell’aria da stronzo, però in fondo se lo conosci bene, se hai la pazienza di andare al di là delle apparenze, se lo aspetti e gli dai i suoi tempi, alla fine scopri che in realtà è proprio uno stronzo. Però tu gli dai un’altra possibilità. Perché speri sempre che gli altri ti sorprendano. Il mio regno per una sorpresa!

Vorrei, ma non posso. Non ci credo, però ci spero. Capita a tutti, perché a me mai? Queste sono un po’ le considerazioni che facciamo tutti noi incorreggibili ottimisti. Poi c’è anche chi scavalca a sinistra, come si diceva un tempo. Chi va al di là, chi non ha paura di oltrepassare i confini e andare oltre, gettando il cuore oltre l’ostacolo. C’è qualcuno che addirittura, perfino, financo pensa di fare un accordo elettorale con i 5 Stelle. E allora va be’, vale tutto.

 

L’imbarazzo della scelta (che è sempre meglio della scelta imbarazzante)

Anyway the Wind blows, doesn’t really matter to me, to me.

Sei lì, frastornato e indeciso, sballottato nell’oceano dell’esistenza, fra i marosi di un mare tempestoso, chi corre da una parte, chi da un’altra, hai tante opzioni davanti a te, perché in fondo questa è la vita, tante possibilità, nessuna particolarmente attraente, altrimenti la scelta sarebbe facile, a volte ti lasci andare alla corrente, a volte vuoi fare l’originale, quello che scelgono tutti di solito è la strada più comoda, ma anche la più affollata, le alternative sono sempre un rischio, può dirti bene, ma può anche dirti malissimo, potrai vantarti di aver colto quell’unica possibilità che nessuno era riuscito a valutare, ma potresti anche pentirtene amaramente nell’immediato futuro, con quell’amarezza inconsolabile e quello strano sapore che ti rimane in bocca, perché poi è difficile capire, è difficile valutare, la forma è importante, l’occhio vuole la sua parte, ma poi è la sostanza quello che conta, chi sta lì di fronte a te non si sbilancia, è chiaro, sei tu, solamente tu padrone del tuo destino, una scelta esclude l’altra e poi magari eri partito con un’idea in testa e invece di fronte alla realtà dei fatti sei costretto a cambiare, hai fatto i tuoi progetti, hai pensato ai giorni trascorsi a quelli di fronte a te, ti eri programmato, però lo sai gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo e non puoi mai sapere quel che troverai di fronte, per questo dovresti sempre essere pronto ed avere delle alternative, un piano B che ti faccia superare l’empasse, tutto questo però in modo rapido, perché lo sai, il tempo è tiranno e non ti lascia la possibilità di indugiare, puoi prepararti finché vuoi, ma poi al momento della scelta sei lì, da solo, di fronte al tuo destino, devi fare presto, osservi, valuti, giudichi e poi ti lanci:

  • Va be’ mi dia i fagiolini ripassati
  • Nooo, per carità! Li ho presi ieri, fanno veramente cagare, lascia perdere. Meglio le patate lesse

Eh! Gli amici….ma come faremmo senza?

Il contapassi secondo me è femmina

I cellulari hanno cambiato il nostro stile di vita. Hanno accorciato le distanze, dilatato i tempi e le possibilità, creato nuovi stili di vita e ci hanno reso dipendenti da tutta una serie di dati, informazioni, notizie di cui ora non potremmo più fare a meno, ma di cui fino a qualche anno fa neanche conoscevamo l’esistenza.

Insieme a tante possibilità obiettivamente utili, hanno arricchito (si fa per dire) le nostre giornate anche di tutta una serie di nuove preoccupazioni: quando andiamo in un posto potremmo ritrovarci a chiedere, “ma c’è campo?” oppure “la carica della batteria sarà sufficiente?”. Mai però avrei pensato di avere la curiosità di sapere quanti passi avevo fatto in quel giorno!

Perché forse voi non lo sapete, ma il nostro cellulare ci misura: il battito cardiaco, i passi giornalieri, la distanza percorsa, le calorie bruciate, il tempo di attività e quello di inattività. Non oso immaginare i più che sicuri futuri aggiornamenti in materia: probabilmente riusciremo a misurarci il colesterolo o la glicemia e un domani chissà, grazie al cellulare sapremo lo stato di salute della nostra prostata!

Ma quello che volevo dire è un’altra cosa. Questo sistema di controllo si azzera ogni giorno e riparte. Ieri hai camminato due ore? Bravo, ma oggi riparti da zero. Oggi sei stato stravaccato sul divano tutto il giorno? Tranquillo, domani potrai farti valere e raggiungere il tuo obiettivo giornaliero. La cancellazione del traguardo raggiunto e insieme la remissione dei peccati commessi può essere allo stesso tempo liberatorio o frustrante. Ma in fondo è una sorta di metafora della vita, volendo potremmo quasi considerarla una sorta di filosofia, un modo di affrontare la giornata. E fin qui tutto bene.

In realtà, lungi dal dimenticare, lui, il nostro inquietante compagno di vita, evidentemente carico di estrogeni peggio di una squadra di nuoto sinconizzato, tiene traccia di tutto. Fa finta di azzerare, ma in realtà non si scorda di niente! Anzi, mantiene in memoria ogni dettaglio, come la tua dolce metà che si ricorda com’era vestita tua cognata al matrimonio della figlia della sorella! Quanti giorni hai raggiunto l’obiettivo, quante volte hai toppato, il tuo traguardo massimo, la giornata migliore e quando meno te lo aspetti, tira fuori la statistica:

Negli ultimi quattordici giorni hai superato l’obiettivo dei passi giornalieri 13 volte, il 92%. Puoi fare meglio

Posso fare meglio? Ma come posso fare meglio? Ma mica sono un maratoneta! Insomma, come dice il vecchio proverbio, la mattina non importa se tua sia leone o gazzella, se stai nella giungla o in mezzo al mare. Non importa nemmeno se correrai come Husain Bolt o camminerai come Mosè nel deserto. In ogni caso, dai retta a me, qualche volta spegni il cellulare!