Come se avessi ancora diciassette anni

Looking from the outside in, some things never change. Hey hey I’m a million miles away. Funny how it seems like yesterday… All those fake celebrities and all those viscous queens. All the stupid papers and the stupid magazines. Sweet dreams are made of anything, that gets you in the scene. And it feels like I’m 17 again. Feels like I’m 17.  Again

Quando ti ricapiterà più…di uscire di casa senza soldi? Di aspettare l’autobus alle due di notte? Di non poter esprimere la tua opinione politica con il voto? Di avere così tanto tempo libero da non saper quasi cosa fare?

In realtà mentre li vivi (se anche non mi ricordassi bene l’estate dell’84, li rivedo oggi in te), ti sembra di soffrire di una continua mancanza di qualcosa. Ti sembra di avere a disposizione tutto il mondo, ma di non avere la possibilità concreta di raggiungere niente. Sei in una continua tensione fra il già ed il non ancora. Hai un’ansia dentro, una voglio di correre, di bruciare le tappe, di arrivare a domani, come non ce l’avrai più in vita tua.

Rivendendoli ora però quelle domande iniziali potrebbero essere rivoltate in tutt’altro significato. Quando mai ti ricapiterà più…di divertirti pur non avendo soldi? Di avere una fiducia un po’ imprudente e un po’ sconsiderata, che ti fa aspettare il 60 notturno alle due di notte? Di credere così passionalmente e così incondizionatamente in qualche ideale politico? Di avere un’estate di 4 mesi di vacanza?

Per questo vorrei dirti di viverteli fino in fondo, principessa mia. Di non lasciarti sfuggire fra le mani questi momenti, perché, anche se certe cose non cambieranno mai, anche se ci saranno sempre traguardi da raggiungere e buoni motivi per svegliarsi presto, questi spazi aperti e queste possibilità infinite non torneranno più. Per fortuna o purtroppo, chi lo sa.

 

Annunci

6 thoughts on “Come se avessi ancora diciassette anni

  1. Senza soldi ci esco ancora oggi… e me ne accorgo puntualmente dal panettiere, o in quei locali in cui non puoi chiedere di pagare un caffè con il bancomat, insomma…
    Per il resto, ho avuto la fortuna di vivere i miei 16 anni con una piena consapevolezza di essere negli anni più belli della mia vita… infatti li rimpiango ancora oggi, ma con gioia di averli vissuti appieno!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...