Il treno dei desideri

11071093_10153276835334486_3853361169264853364_n

Quando gli Dei vogliono punirci, esaudiscono i nostri desideri“. (Proverbio Arabo)

Oggi come oggi, capire cosa si vuole diventa sempre più complicato. Quando siamo piccoli i nostri desideri sono chiari, nitidi, forse irraggiungibili, ma univoci. L’adolescenza è di per sé un moltiplicatore: si vogliono tante cose, si vuole l’eccesso, cominciano i dubbi. A volte si vorrebbe una cosa e il suo esatto contrario. Crescendo le idee si chiariscono, gli obiettivi si delineano, si scartano quelli irrealizzabili, si lasciano per strada quelli inutili, si punta dritti alla meta. E poi? Una volta raggiunto l’appagamento per quelli realizzati e messa una pietra sopra a quelli sfumati, che cosa ci resta?

Sarà per quello che, come spesso si sente dire in giro, gli uomini raggiunti una certa età (chi dice 40, chi dice 50…facciamo una via di mezzo e non se ne parli più), gli uomini dicevo (ma perché le donne no?) ad un certo punto fanno cose insolite. Chi si tinge i capelli, chi tenta nuove avventure amorose, chi prova a cambiare lavoro. Come se ad un certo punto ci fosse bisogno di desideri diversi, strade mai percorse prima, che forse possono dare nuove emozioni.

E’ come se i vecchi desideri, ormai realizzati, diventassero delle gabbie: da obiettivi a cui puntare, sono diventati parte di noi e parte di quello che gli altri si aspettano da noi. E allora che cominciano a diventarci stretti, che sembrano essere ostacoli che non ci fanno vivere la vita che si vuole, ma quella che gli altri vogliono da noi. Per questo alcuni li sminuiscono, li danno per scontati. Ma alla fine dei conti si rischia di dimenticarci che la felicità è una scelta. Che dipende da noi e che probabilmente prescinde dai desideri più o meno realizzati.

Da parte mia, ve l’ho già detto anzi scritto altre volte, niente mi piace di più del rincorrere i desideri degli altri, delle persone a cui voglio bene, per aiutarli a raggiungerli. Non saprei, anzi tenderei ad escludere che sia un atteggiamento puramente altruistico. Ma è il mio. E non da oggi. In fondo c’è chi colleziona farfalle, chi fa corsi di paracadutismo, perché io non dovrei sentirmi un po’ genio della lampada? O forse il mio treno dei desideri, come cantava Paolo Conte, nei miei pensieri, all’incontrario va.

Annunci

11 thoughts on “Il treno dei desideri

  1. I sogni non vanno mai calpestati, neanche quelli degli altri, che vanno ancor più rispettati dei nostri. Dei nostri conosciamo l’intensità e quanto per noi sono importanti, sappiamo anche se poterli realizzare o no, dico che lo sappiamo anche se a volte facciamo finta che così non è, quelli degli altri non sapremo mai quanto, tanto, sono per loro importanti, per questo maggior rispetto. Se possibile aiutino….

  2. io tra le tante stranezze quotidiane ho deciso di provare a imparare a suonare la chitarra. Un po’ ci sono riuscito

  3. L’uomo per sua natura sente il bisogno di puntare sempre a qualcosa. E fa di tutto per ottenerla. Poi quando è lì nelle sue mani piano piano l’entusiasmo si smonta. E si cerca un altro obiettivo. Una volta non era così, ora come dici tu dobbiamo diventare come gli altri vogliono che siamo. Ci hanno riempito le orecchie e il cervello di slogan, se vuoi essere felice devi avere questo… non puoi farne a meno, non puoi sentirti realizzato senza questo. Perché l’uomo di successo guarda sempre avanti verso nuove mere. E così ci ritroviamo ad inseguire queste mete per compiacere gli altri. Ma che cos’è veramente il successo? Per me è soprattutto riconoscere che non si può rincorrere continuamente una meta ma che bisogna anche fermarsi e godere di quello che si è ottenuto.

  4. Ripasso fra un po’ di anni per dire la mia a proposito e suonando anche credibile. Adesso sarebbero solo pensieri di cartapesta.

  5. Alcuni cercano la realizzazione, quella che non hanno avuto prima a causa di scelte sbagliate che sembravano essere quelle giuste. A un certo punto si rendono conto di aver scavallato meta vita e si mettono alla ricerca della pentola d’oro prima che sia troppo tardi. Io sto giusto giusto a quella via di mezzo che hai detto te ma sono appena ripartita da zero, ho cancellato la lavagna e ricomincio a scrivere. Spero solo di trovate qualcosa di sensato da dire.

  6. Non vorrei dire una banalità, ma “chi si accontenta gode”, esclusivamente nel senso che gli incontentabili, quelli che storcono sempre il naso perchè vogliono sempre il massimo (o il meglio o l’irraggiungibile e così via) si perdono le gioie e la serenità delle piccole cose.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...