Scappa con me

Una specie di elogio della fuga, se non l’avesse già scritto qualcuno prima e meglio di quanto potrei farlo io. No Zeus, che hai capito? Ho detto Fuga! Con la “u”, perché sì, questo resta sempre un blog minchione, ma non così minchione.

La questione è semplice. Se fai parte del gioco devi rispettarne le regole. Anche se non le comprendi. Anche se cerchi di comprenderle, ma non ti piacciono. Anche se ti sforzi di fartele piacere, ma poi ti svegli alle 4 del mattino con un fastidioso e persistente mal di stomaco.

Puoi anche pensare di inventarti tu delle regole. Puoi arrivare a mentire, prima di tutto a te stesso. Ma non è così e lo sai bene. E allora chiudi gli occhi e ripeti a te stesso che ce la puoi fare, che in fondo se ce la fanno tutti perché tu no? E intanto ti fermi nell’androne del palazzo senza sapere se uscire oppure entrare. E ascolti il rumore di tacchi che si allontana nella notte e capisci che ormai è andata via, forse per sempre e tu  non puoi farci più niente.

Oppure puoi fuggire. Forse non è la via più onorevole, ma è probabilmente l’unica vera alternativa.

“Quando non può lottare contro il vento e il mare per seguire la sua rotta, il veliero ha due possibilità: l’andatura di cappa che lo fa andare alla deriva o la fuga davanti alla tempesta con il mare in poppa e un minimo di tela. La fuga è spesso, quando si è lontani dalla costa, il solo modo di salvare barca ed equipaggio. E in più permette di scoprire rive sconosciute che spuntano all’orizzonte delle acque tornate calme. In tempi come questi, la fuga è l’unico mezzo che rimane per mantenersi vivi e continuare a sognare.” (Henry Laborit, Elogio della fuga)

Annunci

7 thoughts on “Scappa con me

  1. Ammetto che la versione senza U sarebbe stato un post eccezionale e di godibile lettura ehehe.
    In effetti c’è del senso: una fuga/ritirata “onorevole/strategica” è molto più intelligente che avanzare contro ogni logica.

    Ps: io non devo dirtelo vero che sei nominato per il Minchiester Award 2015 (è un marchio registrato ahahaha)? Perché non nomino nessuno, ma…

  2. Pingback: Mantieni la calma e vai avanti | Viaggi Ermeneutici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...