Boulevard of broken Dreams

L’autobus mi lasciava abbastanza lontano da casa. Ma ero contento, perché almeno potevo fare due passi dopo esser stato seduto tutto il giorno. E così tutti le sere camminando lungo quel viale, ripercorrevo le mie giornate, ripensando ai fatti, alle persone, alle situazioni. E soprattutto alle occasioni. Quante ne avevo fatte scivolare via!

Sai Guido noi abbiamo dei buoni stipendi, ma i soldi veri, caro mio…o si rubano o si sposano“. Che stronzo il mio capo! Però mi sa che in quello aveva ragione. Io invece non rubavo, non avevo mai rubato nulla. Per di più ho sposato un angelo. Che come tutti gli angeli non aveva una lira. Forse per questo non siamo mai stati ricchi. Eppure sarebbe bastato chiudere un occhio una volta, fare finta di non vedere un’altra….e oggi anche io sarei ricco.

Ma non ti vengono i rimorsi di prendere qualcosa non tuo?” “Ti rispondo facendo un esempio. Io adoro la marmellata di more. Certo ti restano i semi in mezzo ai denti, ma basta uno spazzolino e un po’ di dentifricio dopo pranzo e il gioco è fatto“. Per lui gli scrupoli e i rimorsi di coscienza sono come semi di mora in mezzo ai denti. Ma io un dentifricio capace di lavare la coscienza non lo conosco. E a dire il vero neanche vogli conoscerlo.

Calava l’umidità, insieme al freddo tipico dei giorni della merla. Tornavo a casa lungo quel viale, a passo svelto, riscaldandomi con i sogni che avrei potuto realizzare se fossi stato ricco: gli studi per i figli, le vacanze per tutta la famiglia, risistemare casa, cambiare la macchina. Ma il sogno più grande non dovevo rincorrerlo chissà dove. La mia onestà, il faro della mia vita, era il sogno più bello, quello che ero riuscito a realizzare, nonostante tutto e tutti. Altro che cambiare la macchina! Una macchina…a tutta velocità e un motorino.  Mi risvegliai dai miei pensieri come se fossi dentro un film di azione, tutto avvenne in un istante: la macchina era della polizia e stava rincorrendo il motorino. Ormai gli stava addosso, il motorino provò ad accelerare ancora, una curva, una sbandata, il guidatore perse il controllo finendo sull’asfalto. Rapido come un fulmine si rimise in piedi, tirando su il motorino e riprendendo la corsa, lasciando in terra però una borsa.

La macchina continuò a stargli dietro e in una manciata di secondi erano già in fondo al viale e poi fuori dalla mia vista. La curiosità prese il sopravvento sulla prudenza. Nessuno in giro, mi chinai sulla borsa. Era piena di soldi. Soldi come ne ne avevo mai visti in vita mia, più di quanto si possa anche solo immaginare. Lo so, non erano miei, ma in fondo non era neanche rubare. Non proprio almeno. La nebbia scendeva sempre più fitta, rendendo tutto ovattato, come una bolla fuori dal tempo. Ripresi la strada di casa, lungo il solito viale, felici come forse non ero mai stato, canticchiando una canzone dei Green Day

Annunci

6 thoughts on “Boulevard of broken Dreams

  1. Una volta ero andata all’università con un bel gruzzoletto di soldi liquidi (saranno stati un 300, và): avevo 18 anni, non avevo nessuna carta ancora e me li avevano lasciati i miei per fare spesucce. Il pomeriggio volevo andare in giro e imprudentemente li avevo messi avvolti in un fazzoletto nella tasca dei jeans. Pausa caffèè, vado al bar, caccio il cell dalla tasca.
    Dopo un pò mi sento chiamare. Mi giro e vedo una ragazza con i dindini che mi chiede se sono i miei. ecco, se li sarebbe potuti prendere, in giro non c’era molta gente. Invece me li ha restituiti. Io l’ho ringraziata tantissimo.
    L’onesta è davvero la ricchezza migliore.

  2. A 9 anni andavo al mare in un piccolo paesino, molto piccolo, dai nonni. Nonna mi lasciava andare a comprare il pane da sola. Sulla strada del ritorno, un giorno, trovai un portafogli da uomo, c’erano dentro 2 milioni in contatti, lo ricordo bene, un tesoro immenso. Non ebbi alcun dubbio, andai a casa e lo diedi alla mia baby sitter, lei, forse obbligata dal fatto che ormai io sapevo, lo diede a mia nonna al suo rientro e mia nonna rintracciò (in qualche giorno, non c’erano documenti) il padrone che offrì a noi bimbi un grosso gelato e ringraziò tanto la piccola ritrovatrice. Conclusioni: non saprò mai se la baby sitter e mia nonna sarebbero state così oneste se io non avessi trovato il malloppo. Credo mia nonna abbia avuto un ringraziamento in denaro più alto del valore di un gelato … ma questo l’ho capito solo con il tempo. Mi è comunque rimasto che ciò che trovi non necessariamente è tuo. E questo è un bel regalo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...